Il Melone: perché fa bene

06:24



Il melone è uno dei frutti simbolo dell’Estate che non manca mai sulle nostre tavole in questo periodo dell’anno, conosciuto anche con il nome di popone
E voi direte.. come non si fa ad apprezzare una pianta con un nome così simpatico?!
Mettetevi comodi amici e amiche di Breakfast at Tiffany's che vi racconto qualcosina su di lui.

Fa parte della famiglia delle Cucurbitacee (di cui fanno parte anche la zucchina, la zucca, il cetriolo) ed è di origine africana. Nel V secolo A.C. gli egiziani iniziarono ad esportarlo nel bacino del mediterraneo facendolo arrivare in Italia in età cristiana.
In natura ne esistono tantissime varietà che si differenziano nel profumo, nella forma e nel sapore, tuttavia le specie più diffuse che troviamo nei nostri supermercati sono il melone retato, quello invernale e quello di Cantalupo.
Questo frutto/ortaggio viene coltivato in tutto il mondo per un totale di quasi 30 tonnellate l’anno e il primo produttore a livello globale è l’Asia che vanta il 60% della produzione mondiale, mentre a livello europeo, i principali coltivatori sono Francia, Spagna, Romania e Italia.
Ricchissimo di benefici e povero di calorie (33 Kcal per 100 gr), è perfetto per contrastare la calura e l’afa della stagione estiva, considerando che è composto dal 90/95% di acqua.
Ottimo per rinfrescarsi e dissetarsi, il melone vanta proprietà antiossidanti notevoli grazie alla vitamina A e C, alla presenza di sali minerali, calcio, ferro, fosforo e potassio; è ottimo come le carote per favorire l’abbronzatura grazie alla sua polpa ricca di betacarotene, mentre l’elevato contenuto di carotenoidi è utile per prevenire il cancro e per ridurre il rischio di tumore ai polmoni. E’ un alimento antistress, fa bene alle ossa, agli occhi alla pelle e all’intestino pigro ed è un toccasana per chi soffre di gonfiore addominale.
Grazie alla presenza di fibre alimentari il suo consumo aumenta il senso di sazietà, diminuendo la fame in modo notevole, aiuta chi soffre di stitichezza e di anemia e favorisce la depurazione dalle scorie.
Il melone aiuta la circolazione sanguigna, previene infarti e ictus e contribuisce all’eliminazione del colesterolo; grazie al contenuto di vitamina B2 fa molto bene al nostro cervello oltre ad avere un effetto rilassante sul corpo e a migliorare il nostro sonno. E’ una buonissima fonte di energia per il nostro organismo grazie agli zuccheri naturali e all’apporto di vitamina B, mentre grazie all’acido folico viene consigliato alle donne in gravidanza. 
È considerato utile per depurare i reni e contro il bruciore di stomaco e tiene lontano la cellulite (donnine segnatevelo!). 
Super per mantenerci in forma e per la temuta prova costume! 
Questo frutto è anche un eccellente alleato in cosmetica: la polpa viene spesso adoperata per preparare maschere, creme o lozioni per contrastare la secchezza della pelle, regalandole un effetto vellutante e illuminante. Grazie alla vitamina C in esso contenuta, questo frutto accelera la guarigione da ustioni, arrossamenti causati dal sole ed escoriazioni.

Valori nutrizionali del Melone
Parte edibile 60%
Proteine totali 0,20 gr
Lipidi totali 0,20 gr
Glucidi totali 7,30 gr
Amido assente
Glucidi solubili 7,30 gr
Energia 30,00 Kcal
Fibra alimentare 0,90 gr
Colesterolo assente
Calcio 8,00 mg
Ferro 0,60 mg
Sodio 8,00 mg
Potassio 333,00 mg
Fosforo 13,00 mg
Vitamina B1 0,05 mg
Vitamina B2 0,04 mg
Vitamina PP 0,60 mg
Vitamina A 189,00 mg
Vitamina C 37,00 mg

Il melone si consuma come spuntino, come dessert, per colazione, per merenda o come antipasto, anche se il tipico abbinamento è quello con il prosciutto crudo. 
Io vi consiglio di provarlo per arricchire anche le fresche insalate e le macedonie di frutta, per decorare spiedini, per farcire crostate di frutta fresca o per smoothie, frullati, marmellate, gelati e sorbetti fatti in casa.
E' consigliato conservarlo in un luogo fresco ad una temperatura che non deve mai scendere sotto i 5 gradi quindi va benissimo riporlo anche nella parte meno freddo del frigorifero se in casa non avete altre alternative.
Pochi accorgimenti per capire se il melone che trovate dal fruttivendolo è maturo al punto giusto: la buccia non deve evidenziare macchie o ammaccature, ma deve essere soda; oltre a ciò a me hanno insegnato a dare dei colpetti a pugno sulla superficie e se si avverte un suono sordo, il melone è giunto a maturazione, al contrario se si avverte un rimbombo vuoto significa che non è ancora pronto. 
Non ci sono particolari controindicazioni, ma è sconsigliato per i diabetici e le persone che hanno problemi di disturbi gastrici e ovviamente a chi ne è intollerante o allergico, mentre gli esperti lo raccomandano a chi soffre di acne, dermatite e psoriasi. 
In ogni caso è buona regola non abusarne.


Francesca Maria
♥♥♥

You Might Also Like

2 commenti

  1. Ottimo, ma, come tutti i cibi, mai abusarne: mi sembra giusto! :)

    Grazie per il tuo articolo, dettagliato e formativo.

    Ciao Francesca, buona giornata, a presto! :)

    http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/

    http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    RispondiElimina

Grazie per essere passato di qui.