sabato 18 aprile 2015

Succo di pera fatto in casa / Home-made Pear juice



Ingredienti:
2 kg di pere
1 limone biologico
100 gr zucchero granulato

Preparazione:
Lavare e sbucciare le pere.
Tagliarle a pezzettini e metterle in una pentola capiente dove precedentemente versiamo il succo di 1/2 limone e 1 litro di acqua. Far bollire e appena inizia il bollore, aggiungere lo zucchero e far cuocere finché le pere diventano belle morbide. 
Dopodiché togliere dal fuoco e lasciare intiepidire. 
Frullare il composto fino ad ottenere una crema di una consistenza media. 
Versare il succo in bottigliette di vetro sterilizzate da conservare per qualche mese.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
2 kg (4,5 lb) of pears
1 biologic lemon
100 gr (3,5 oz) granular sugar

Method:
Wash and peel the pears.
Cut into small pieces and place in a pan with 1/2 lemon juice and 1 liter of water.
Boil and once the mixture is boiling, add the sugar and cake until the pears are soft.
After that, remove from heat and let it cold.
Whip to get a pear cream with medium consistence.
Pour the juice into pasteurized glass pots and store for some months.

 Francesca Maria
     

Torta di mele allo yogurt / Yogurt apple cake recipe




Ingredienti:
250 gr di farina 00
2 uova
120 gr di zucchero di canna
1 vasetto di yogurt magro
60 ml di olio di semi
1 limone
1 bustina di lievito in polvere
3 mele
sale

Preparazione:
Sbattere le uova con lo zucchero e un pizzico di sale.
Unire la scorza del limone grattugiata e l'olio.
Mescolare per bene, dopodiché unire anche la farina con il lievito e lo yogurt.
Versare il tutto in una tortiera circolare foderata di carta forno.
Ora disporre a cerchio le fettine di mela e cospargere con zucchero di canna.
Infornare a 170°C per circa 50 minuti.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
250 gr (9 oz) all-purpose flour
2 large eggs
120 gr (4½ oz) brown sugar
1 pot of no fat yogurt
60 ml (2,03 fl. oz) oilseed
1 lemon
1 pack of baking powder
3 apples
salt

Method:
Beat eggs with sugar and a pinch of salt.
Combine grated lemon zest and oilseed.
Toss well, then add flour with yeast and yogurt, stirring continuosly.
Spoon the batter into the round cake tin lined with parchment paper.
Arrange the apple slices in a circular pattern, making the apple slices overlap slightly.
Dust with a tblspoon of sugar and bake into preheated oven at 338°F for about 50 minutes.

Francesca Maria
     

giovedì 16 aprile 2015

Torta al cacao senza farina / No-flour cake with cocoa powder



Ingredienti:
4 uova
170 gr di burro
170 gr di zucchero
100 gr di cacao amaro in polvere
1 bustina di vanillina
sale

Procedimento:
Accendere il forno.
Montare gli albumi a neve con un pizzico di sale.
In una ciotola lavorare i tuorli con lo zucchero, aggiungere il burro, il cacao, la vanillina e infine gli albumi.
Versare nella tortiera e livellare.
Infornare a 180°C per 35 minuti e fare la prova stecchino.
Raffreddare per 10 minuti e servire.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
4 large eggs
170 gr (6 oz) butter
170 gr (6 oz) sugar
100 gr (3,5 oz) cocoa powder
1 pack of vanillin
Salt

Directions:
Preheat the oven.
Whisk egg whites until fluffy with a pinch of salt.
In a mixing bowl combine egg yolks with sugar, softened butter, cocoa powder, vanillin and egg whites.
Pour the batter into the cake tin and flatten.
Bake at 356° F for 35 minutes or until wooden pick inserted in center comes out clean.
Cool 10 minutes and serve.

 Francesca Maria
     

mercoledì 15 aprile 2015

Focaccia con albicocche sciroppate / Bun with apricots in syrup



Ingredienti:
30 gr di lievito di birra
60 gr di burro
500 gr di farina 00
125 gr di latte
1 bustina di vanillina
1 fialetta di aroma al limone
100 gr di zucchero semolato
2 uova
sale
zucchero a granelli
100 gr di albicocche sciroppate

Procedimento:
Sciogliere il lievito nel latte leggermente tiepido.
A parte sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere il burro sciolto, la vanillina, l'aroma all'arancia e un pizzico di sale.
Aggiungere la miscela di lievito, la farina e le albicocche sciroppate ridotte a pezzetti e scolate e impastare formando una palla, coprirla e farla riposare almeno per 5 ore (la cosa migliore sarebbe far lievitare l'impasto per una notte intera).
Dopo le ore di riposo, rimpastare nuovamente e dividere l'impasto in 2 parti dandogli la forma di una focaccia ellittica.
Far riposare per un'altra ora sempre coperte con un canovaccio.
Spennellare del latte sulla superficie, decorare con la granella di zucchero, incidere una croce e infornare nel forno preriscaldato a 180°C per 30/35 minuti.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
30 gr (1,1 oz) brewer's yeast
60 gr (2,1 oz) unsalted butter
500 gr (17,6 oz) all-purpose flour
125 gr (4,4 oz) milk
1 pack of vanillin
1 small phial of lemon extract
100 gr (3,5 oz) granular sugar
2 large eggs
salt
sugar grains for decoration
100 gr (3,5 oz) apricots in syrup

Method:
Melt the brewer's yeast with warm milk.
Separately beat the eggs with sugar, combine melted butter, vanillin, orange extract and a pinch of salt.
Add the yeast mixture, the drained apricots cut into small pieces and stir in flour and knead with hands shaping a ball, cover it with a dish cloth and let it rest for at least 5 hours (I suggest you to let it rise for 1 whole night for a better result).
After the resting time, knead once again and divide the dough into 2 parts.
Set aside for 1 hour more or until dough has almost doubled in size.
Brush the top with milk and dust sugar grains, carve a cross onto loaf and bake into preheated oven at 356°F for 30/35 minutes or until the bun is golden.

 Francesca Maria
     

martedì 14 aprile 2015

Crostata di mele e amaretti / Apple and amaretti tart



Ingredienti: 
3 uova
300 gr di farina 00
200 gr di burro
100 gr di zucchero semolato
1/2 bustina di lievito in polvere
sale 1 pizzico
marmellata di albicocche
1 mela
amaretti

Preparazione:
Lavorare la farina con il lievito, le uova, il burro ammorbidito, 1 pizzico di sale e lo zucchero e impastare velocemente formando una palla da rivestire con la pellicola trasparente e mettere in frigo a riposare per almeno 30 minuti.
Stendere la pasta con un matterello.
Posizionare la pasta nella tortiera e bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta, poi stendere un paio di cucchiai di marmellata di albicocche, degli amaretti sbriciolati e qualche fettina di mela e intrecciare sopra delle strisce di pasta.
Infornare per 35/40 minuti a 180°C fino a che la frolla non avrà preso un bel colore dorato.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
3 large eggs
300 gr (10,5 oz) all-purpose flour
200 gr (7 oz) butter
100 gr (3,5 oz) caster sugar
1/2 pack of yeast
salt 1 pinch
apricot jam
1 apple
Italian amaretto cookies

Method:
Combine flour with yeast, softened butter, the eggs, a pinch of salt and sugar and knead fastly, shape a dough ball to cover with the transparent wrap and refrigerate for 30 minutes into the fridge.
Then roll the pastry out 1/2 cm thickness with a rolling pin on the floured working surface.
Place the dough into the round cake tin and prick with a fork the bottom; spread a pair of tblspoons of apricot jam evenly, minced amaretti cookies and thin slices of the apple and with the remaining ball dough, make long thin strips and place them over the jam perpendicular to each other.
Bake for 35/40 minutes at 356°F until the pastry is golden.

 Francesca Maria
     

Dolcificanti naturali: le alternative allo zucchero bianco



Zucchero di canna integrale: si ricava dal succo di canna di zucchero che viene prima fatto sedimentare e poi evaporare, senza intervenire con passaggi chimici e fisici di raffinazione; è ricco di carboidrati e proprietà nutritive e apporta 384 calorie per 100 grammi; ha un leggero retrogusto di liquirizia, un sapore dolce e forte, di color marrone, umido e granuloso che si estrae dal succo di canna.
Non va confuso con lo zucchero di canna comune che subisce un processo di raffinazione proprio come lo zucchero bianco, oltre a contenere le stesse calorie.

Miele: meno calorico dello zucchero, è un ottimo energetico naturale di facile digeribilità, ottimo sia per bambini che per adulti. Contiene glucosio, fruttosio, destrosio, saccarosio, maltosio, i quali vengono metabolizzati molto lentamente dal nostro corpo rispetto allo zucchero raffinato. Per conservare inalterate le sue proprietà, non devono essere aggiunti zuccheri di nessun genere e smielato a basso temperature. Non è sempre adatto per realizzare dolci fatti in casa in quando il processo di cottura lo rende amarognolo. Non va somministrato ai bambini sotto l’anno di età, per evitare che possa causare coliche per via dei microorganismi in esso contenuti.

Melassa: è uno sciroppo che si ottiene dalla lavorazione dello zucchero, sia dalla barbabietola che dalla canna di zucchero. Ha un sapore molto particolare, quasi speziato, per cui bisogna considerare questo aspetto nell’eventuale preparazione di dolci fatti in casa. La melassa contiene fruttosio, glucosio, acido fosforico, potassio, saccarosio, fibre, ferro, rame, magnesio, vitamine e sali minerali. Attualmente non è facile da reperire nel nostro Paese anche se negli ultimi tempi le cose stanno cambiando e nel caso di acquisto fate attenzione al fatto che sia di provenienza biologica, quindi priva di eventuali residui chimici derivanti dai composti utilizzati per l’estrazione dello zucchero.

Sciroppo o succo d’acero: è uno dei dolcificanti con il più basso contenuto calorico (250 calorie per 100 gr) che viene estratto dalla linfa dell’acero e contiene potassio, calcio, vitamine del gruppo D e saccarosio. Si può adoperare per preparare dolci di vario genere anche se comunemente viene associato ai puncakes. Si tratta di un dolcificante di origine antichissima e uno dei pochi che si estrae direttamente da una pianta. Lo sciroppo d’acero viene suddiviso in 3 categorie: A, B e C e quest’ultimo risulta essere il più naturale quindi il migliore.

Sciroppo di mele: purtroppo non è facile da reperire ma si tratta di un dolcificante naturale al 100% molto ricco di sali minerali e vitamine, che lo rendono particolarmente energetico, adatto anche ai bambini che praticano sport.
Succo d’uva: si ottiene dalla bollitura e spremitura dell’uva, alla quale vengono aggiunte delle spezie come la cannella o i chiodo di garofano dandogli un sapore molto particolare, quindi bisogna fare attenzione a cosa lo accostiamo.

Stevia: è una pianta che proviene dal sud America e non per niente lì è largamente adoperata come dolcificante naturale. Ha una considerevole presenza di saccarosio, quindi una capacità dolcificante che supera di 300 volte quella del classico zucchero bianco. Non contiene ingredienti artificiali, non contiene calorie e non causa diabete e gli viene riconosciuta un’azione digestiva e di protezione del tratto orale. Fino al 1 Dicembre 2011 questa pianta non era commercializzata nel nostro Paese a causa di assenza di studi che la potessero catalogare come additivo alimentare sicuro, fino a quando la Commissione Europea ne ha autorizzato l’uso e la commercializzazione. Oggi si può trovare nei reparti di erbe aromatiche dei grandi vivai.

Succo/sciroppo d’agave: non è altro che la linfa estratta dalla pianta messicana conosciuta come agave blu. E’ un dolcificante ricco di sali minerali, fruttosio, glucosio e oligominerali. Si può adoperare per addolcire bevande come thè e caffè o altre bevande fresche. Ha un elevato potere dolcificante per cui se volete adoperarlo per preparare un dolce che necessita di 100 gr di zucchero bianco, usate 70 gr di succo d’agave come alternativa.

Amasake: è un dolcificante naturale che si presenta come una pasta beige dal sapore delicato e molto dolce, che si utilizza molto nella cucina orientale. Si ottiene dalla germinazione enzimatica del riso bianco.
E’ consigliato a sportivi anche da consumarsi così com’è o per la preparazione di dolci. In Giappone viene adoperato diluito in acqua e bevuto caldo durante la stagione fredda.

Zucchero di cocco: in questo dolcificante naturale dall’indice glicemico basso e dal sapore fruttato, sono presenti ben 16 amminoacidi. Rispetto allo zucchero di canna contiene il doppio del ferro, quattro volte più magnesio e dieci volte più zinco.
Si ricava dai fiori delle palme che vengono coltivate a Bali da piccoli coltivatori locali, senza rovinare in alcun modo le piante. Lo zucchero di cocco si può trovare nei negozi di alimenti biologici.

Il malto d’orzo: si estrae dalla germinazione e fermentazione dell’orzo e si presenta come un composto scuro e viscoso simile al miele. Ha un notevole potere dolcificante e agisce in maniera positiva sul nostro sistema nervoso e sul nostro umore. 
Contiene per il 60% maltosio, poi amminoacidi, proteine e sali minerali come potassio, calcio, sodio e magnesio. Alcuni studi hanno rivelato anche che il maltolo in esso contenuto risulta essere nemico di alcune malattie tumorali.

 Francesca Maria
     

sabato 11 aprile 2015

Crêpes integrali light senza burro / No butter & whole-wheat crêpes



Ingredienti per 12 crêpes:
140 gr di farina 00
140 gr di farina integrale
250 ml di latte
250 ml di acqua
2 uova
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
pizzico di sale

Procedimento:
Versare in una ciotola le farine e un pizzico di sale. Unire il latte e l'acqua gradualmente e il cucchiaio di olio. Mescolare per bene il tutto per ottenere una pastella uniforme e senza grumi.
Far riposare in frigo per 1 ora.
Scaldare una padella e quando è ben calda possiamo versare un mestolo di pastella al centro  e muovendo la padella distribuirla su tutta la superficie antiaderente affinché raggiunga i bordi.
Cuocere circa 60 secondi per lato o fino quando vedete che iniziano a formarsi delle bollicine e i bordi si scuriscono.

ENGLISH VERSION

Ingredients for 12 crêpes:
140 gr (4,9 oz) all-purpose flour
140 gr (4,9 oz) wholemeal flour
250 ml (8,5 fl. oz) milk
250 ml (8,5 fl. oz) water
2 eggs
1 tblspoon of extra virgin oil
salt

Method:
Combine in a bowl the flours and a pinch of salt. Pour milk and water and 1 tblspoon of extra virgin olive oil. Toss well to get a smooth and lump-free batter. Let it rest in fridge for 1 hour.
Heat the pan and pour a ladleful of batter in the center and tilt the pan with a circular motion so that the batter coats the surface evenly.
Cook for about 60 seconds per side or until the bottom is light brown and you see little bubbles.
With a spatula turn the crepe and cook the other side.

 Francesca Maria
     

venerdì 10 aprile 2015

Bruschette al pesto, pomodorini e grana / Bruschette with pesto sauce, cherry tomatoes and Grana cheese



Ingredienti:
pane tipo baguette
pesto alla genovese
cubetti di grana Padano
1 spicchio d'aglio
olio extravergine di oliva
pomodorini
erba cipollina

Procedimento:
Abbrustolire un paio di minuti il pane in forno strofinando l'aglio delicatamente.
Toglierlo dal forno e spalmare il pesto su ogni fetta.
Rimettere in forno a 180°C per un altro paio di minuti.
Rimuovere quando iniziano a dorarsi e servire con dell'erba cipollina tritata finemente, pomodorini a fettine, scaglie di grana Padano e un filo di olio crudo.

ENGLISH VERSION

Ingredients:
bread like French loaf
pesto sauce
Grana Padano cheese cubes
1 clove of garlic
extra virgin olive oil
cherry tomatoes
chives

Method:
Toast a couple of minutes in the oven the bread gently rubbing the garlic.
Remove from the oven and spread the pesto on each slice.
Put in the oven at 356°F for a couple of minutes more.
Remove when they start to brown and serve with chopped chives, cherry tomatoes cut into slices, thin flakes of grana Padano cheese and little cold extra virgin olive oil.

 Francesca Maria
     
 

Breakfast at Tiffany's Copyright © 2011-2015 - Powered by Blogger

Alcune immagini contenute nel sito sono prelevate da fonti di pubblico dominio.
Chiunque ne detenesse i diritti d'autore è invitato a contattarmi tramite email per l'immediata rimozione delle stesse.